IL mondo si sopprime

in uno squallido lerciume

in vrtiginosi vomiti

e fiori accecanti

arsi da luci morenti

sparsi ranocchi

zampillano nere acque schizzose

non lontano svaniscono

memorie indimenticabili

e inarrendevoli.

     21 01 10